L’ASCOM Parma ha recentemente costituito, risultando una delle prime Associazioni d’ltalia, il “Centro autorizzato di assistenza fiscale ASCOM Parma CAF imprese S.r.l.” con lo scopo di agevolare e tutelare le proprie imprese associate nei difficilissimi rapporti con il Fisco diventandone un interlocutore preferenziale.

Che cosa sono i CAF imprese?

I CAF imprese sono costituiti esclusivamente dalle Associazioni di categoria territorialmente rappresentative sui territorio nazionale, che assumono in tal modo una funzione totale nella rappresentanza e nella tutela del contribuente SOCIO.

Grazie ad una qualificata preparazione tecnica il CAF svolge un servizio fondamentale a favore delle imprese in quanto:

a) sostituisce l’Amministrazione Finanziaria, godendone la piena fiducia, facendosi carico di effettuare i controlli di corrispondenza dei dati delle dichiarazioni dei redditi con quelli delle scritture contabili, che in precedenza erano di competenza del fisco;

b) avvallando la Dichiarazione dei redditi si assume la responsabilità della correttezza formale, rispondendo di eventuali errori e delle relative sanzioni;

c) attesta formalmente sull’esatta applicazione delle norme tributarie.

Chi può rivolgersi al CAF:

Possono far ricorso al CAF ASCOM PARMA oltre che le imprese associate (che rientrino comunque nell’ambito delle piccole-medie imprese con ricavi inferiori ai 10 miliardi di lire), anche le persone fisiche titolari di redditi di partecipazione nelle imprese assistite, quindi soci di società di persone, partecipanti all’impresa familiare e coniugi partecipanti all’azienda coniugale.

Quali vantaggi offre il CAF:

Il ruolo del CAF ASCOM PARMA è quello di garantire al Fisco il corretto adempimento di alcuni obblighi Tributari, mediante l’opposizione del visto di conformità della contabilità, l’asservazione degli studi di settore e la certificazione tributaria, ottenendo per il contribuente tutta una serie di vantaggi riconosciuti dal fisco quali:

1) il contribuente non riceverà più cartelle esattoriali, in quanto, firmando la dichiarazione dei redditi il CAF si assume la piena responsabilità e si fa carico di eventuali sanzioni dovute ad errori;

2) troverà, se esistono, le cause che giustificano il non adeguamento agli studi di settore;

3) più difficilmente sarà sottoposto ai controlli fiscali poichè il Fisco ha già chiarito che saranno diversamente considerate le posizioni dei soggetti certificati rispetto a chi ha presentato una dichiarazione normale.

Informazioni:

Written by Sergio Rinaldi

Comments are closed.