CRONACA

Aversa (Caserta) – Ci sono ancora tanti punti oscuri nel terribile delitto commesso da Ciro Guarente, che ha ucciso il 25enne Vincenzo Ruggiero per poi fare a pezzi il suo corpo, cospargerlo di acido e occultarlo in un box abusivo a Ponticelli. Le indagini delle forze dell’ordine si sono concentrate nelle ultime ore sul luogo dell’omicidio, quella casa di via Boccaccio ad Aversa dove l’attivista gay Vincenzo Ruggiero viveva insieme alla trans di origine polacca Heven Grimaldi: l’ipotesi seguita dagli inquirenti è che Guarente si sia servito di qualche complice, o almeno di qualcuno che lo abbia aiutato a portare a termine il suo folle piano di morte. Un piano che con il passare delle ore sembra sempre più essere stato studiato a tavolino.

Il cadavere del povero Vincenzo, conservato al Policlinico universitario Federico II di Napoli, verrà esaminato nei prossimi giorni. L’autopsia potrebbe rendere noti nuovi preziosi elementi sulle circostanze in cui il ragazzo ha perso la vita: in base alle ultime ricostruzioni sarebbe stato colpito con un oggetto pesante (forse un bastone) per poi essere oggetto dell’assurda violenza del killer, che probabilmente lo ha fatto a pezzi nell’appartamento e poi trasportato nel box preso in affitto alla periferia di Napoli.

La stessa Heven Grimaldi intanto verrà riascoltata dagli inquirenti, i quali sospettano che la trans, fidanzata per anni con Ciro, non abbia raccontato tutto quello che sapeva. Heven era a Bari quando l’omicidio è stato commesso, ma ha detto che al suo ritorno, l’8 luglio (quindi il giorno dopo il delitto) non ha notato nulla di strano nell’appartamento se non degli asciugamani bagnati in bagno. Inoltre Heven la mattina del 28 luglio, poco dopo la “confessione” (tutt’altro che completa) dell’omicidio da parte di Guarente avrebbe mandato a Ciro un messaggio con scritto “Mi hai mentito fino alla fine”.

Un compito non facile per le forze dell’ordine, che dovranno ricostruire tutti i dettagli dell’intricata vicenda cercando di dare giustizia ad un ragazzo che è stato vittima di una violenza inaudita e impossibile da accettare.

(Redazione)

Written by Sergio Rinaldi

Comments are closed.