Casa Alpina Gualdera: baite in autogestione per i gruppi

L´Albergo Casa Alpina S. Luigi sorge sulla sommità del “Motto del vento” a Gualdera, frazione di Campodolcino.

Gualdera, è un luogo molto significativo per le vita di Don Guanella, è qui che a Luigi apparve la Madonna il giorno della sua Prima Comunione.

L´Albergo, privo di barriere architettoniche, dispone di 60 posti letto, in camere confortevoli e curate nei minimi dettagli. La struttura è dotata anche di una sala conferenze che può ospitare oltre 200 persone e dove durante l´anno vengono organizzate conferenze e incontri a tema.

A due passi dalla Casa Alpina, si trova la “Baita del Nonno”, così chiamata perché fu l´abitazione del nonno di Luigi, Tomaso, con la famiglia.

È una baita piuttosto piccola, esposta al sole e riparata dal gelido vento del nord dalla collinetta chiamata “Motto”.

Sotto, al piano seminterrato, c´era la stalla, sopra la residenza della famiglia Guanella.

Vicino alla baita si trovano altre strutture, sempre di proprietà della famiglia di Luigi, aggiunte in tempi successivi.

All´esterno dell´abitazione è possibile vedere un´immagine devozionale datata 1812, che invita a portare la croce con il Signore e un´edicola, costruita da Don Guanella, che fino agli anni ´80 accoglieva una scultura lignea della Madonna, oggi custodita nella cappella della Casa Alpina.

La famiglia di Luigi lasciò Gualdera per Fraciscio nel 1831, in seguito a nubifragi che danneggiarono la loro baita.

Il gruppo delle baite sul Motto, gestite dalla direzione della Casa Alpina S. Luigi, sono adibite ad abitazioni per ferie.

Le ” baite “, completamente ristrutturate, sono dotate di riscaldamento centrale e vengono offerte in autogestione a famiglie, gruppi e oratori, per ritiri spirituali e campi scuola.

Nel complesso hanno una capienza massima di circa 40 posti letto, così suddivisi: il “Baitone” con 18 posti, la “Baita Caterina” con 14 posti, la “Baita Caterina sotto” di 6 posti e infine la “Baitina” che può ospitare una persona sola.

Contatti utili

Written by Sergio Rinaldi

Comments are closed.